La denominazione “olio di oliva” racchiude una gamma di prodotti diversi per qualità e caratteristiche, comunemente nel dire olio di oliva si usa una frase generica per definire tutti gli oli derivanti dalla lavorazione dell’oliva. Per questo motivo è molto importante la denominazione “extra vergine” che contraddistingue per qualità e caratteristiche alimentari superiori l’olio extra vergine d’oliva da tutti gli altri tipi di oli di oliva.

Di seguito si riporta la classificazione dei vari tipi di oli di oliva:

  • OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA:
  • Olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici, in condizioni che non causano alterazioni dell’olio, e senza alcuna miscelazione o aggiunta di oli di altra natura, la cui acidità non supera lo 0,8% e avente caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria;

  • OLIO VERGINE DI OLIVA:
  • Olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici o fisici, la cui acidità non supera il 2% e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria;

  • OLIO DI OLIVA – COMPOSTO DI OLI DI OLIVA RAFFINATI E OLI DI OLIVA VERGINI:
  • Olio contenente esclusivamente oli di oliva che hanno subito un processo di raffinazione e oli ottenuti direttamente dalle olive. Olio di oliva ottenuto dal taglio di olio di oliva raffinato con olio di oliva vergine diverso dall’olio lampante, con acidità non superiore all’1% e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria. È il risultato della miscelazione tra un olio rettificato, che ha cioè subito un processo chimico volto all’eliminazione dei difetti chimici ed organolettici, e un olio vergine. La legislazione non stabilisce un quantitativo minimo di olio vergine che deve rientrare nella miscela; solitamente è una percentuale minima, quel tanto che basta per ridare colore, odore e sapore all’olio che risulta nel complesso abbastanza ‘piatto’.

  • OLIO DI SANSA DI OLIVA:
  • Olio contenente esclusivamente oli provenienti dal trattamento della sansa di oliva e oli ottenuti direttamente dalle olive. Olio ottenuto dal taglio di olio di sansa di oliva raffinato e olio di oliva vergine diverso dall’olio lampante, con acidità inferiore all’1% e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria.

    È del tutto falso. La sensazione di “pizzicore alla gola” non ha niente a che vedere con l’acidità: è definita con l’attributo “piccante” ed è dovuta alla presenza di polifenoli, sostanze antiossidanti molto importanti sia per la conservazione dell’olio che per la salute umana. Pertanto, se l’olio “pizzica in gola” è da considerare positivamente, perché ha un effetto benefico per la salute, e questa sensazione non è assolutamente da collegare alla sua acidità.

    L’acidità indica la percentuale di acido oleico. L’acidità dell’olio è un parametro molto importante per valutarne la qualità: più bassa è l’acidità migliore è la sua qualità. Al contrario di quanto molte persone credono, l’acidità dell’olio non si percepisce all’assaggio, ma è un parametro chimico che misura la percentuale di acidi grassi liberatisi dalla decomposizione dei trigliceridi. Gli acidi grassi liberi sono inodore e insapore. L’acidità può essere misurata soltanto con una analisi chimica in laboratorio. Pertanto, sbaglia chi sostiene che all’assaggio sente che l’olio è “acido”.

    Si. Per ogni anno di produzione vengo effettuate delle analisi chimiche in laboratorio che certificano la qualità dell’olio: in particolare viene controllata l’acidità che nel nostro olio è sempre al di sotto dello 0,5%.

    Il Regolamento Comunitario n. 182/2009 ha introdotto a partire dal 1° luglio 2009, in tutti i Paesi dell’Unione Europea, l’obbligo di riportare la designazione dell’origine geografica sulle etichette di tutti gli oli extra vergini di oliva e di tutti gli oli di oliva vergini. Lo stesso regolamento vieta di riportare la designazione dell’origine sugli oli di oliva e sugli oli di sansa di oliva.

    Si. Il sapore dell’olio extra vergine d’oliva varia in relazione a molteplici fattori: le condizioni climatiche che si sono susseguite durante tutto l’arco dell’anno, lo stato di salute della pianta, le condizioni ambientali nel periodo di fruttificazione.

    No. A basse temperature (es. in frigorifero o durante l’inverno se l’olio è conservato in un locale freddo), l’olio potrebbe solidificare, in parte o completamente. All’abbassarsi della temperatura, l’olio potrebbe mostrarsi inizialmente “velato”, poi potrebbero formarsi una sorta di “granuli” sparsi nella bottiglia. Se le temperature si abbassano ulteriormente, sotto i 4 gradi, l’olio potrebbe solidificare completamente. Non c’è da preoccuparsi, è un fenomeno naturale: l’olio ha una temperatura di congelamento più alta dell’acqua, quindi a temperature alle quali l’acqua è ancora liquida, l’olio potrebbe già solidificare. Quando lo si riporta a temperatura ambiente, l’olio ritorna liquido, senza che la sua qualità risulti compromessa.

    I principali fattori che accelerano la degradazione qualitativa dell’olio extra vergine sono l’ossigeno atmosferico, la temperatura e la luce. A contatto con l’aria, alla luce e al caldo, l’olio perde più rapidamente le sue caratteristiche sia sensoriali che nutrizionali. Per conservare a lungo le proprietà organolettiche e nutrizionali dell’olio, questo dovrebbe essere conservato al buio, lontano da fonti di calore, in un locale fresco. I migliori contenitori, per conservare l’olio sono in acciaio inossidabile, ma ottimi sono anche i contenitori in vetro scuro. Sconsigliamo vivamente dei contenitori di vetro trasparenti o peggio ancora plastica e derivati.

    Vi consigliamo di consumare l’olio extravergine d’oliva nella stessa annata di produzione, anche se generalmente il prodotto può essere consumato fino a circa 18 mesi dalla molitura.

    Assolutamente no. Il nostro olio extra vergine di oliva è un prodotto naturale al 100%, è succo di oliva derivato dalla spremitura delle olive. L’olio si conserva in maniera del tutto naturale per il periodo di tempo indicato. Durante il periodo di conservazione l’olio subisce un processo di decantazione naturale, durante il quale si chiarifica. Se conservato per un lungo periodo di tempo, il processo di decantazione porta alla formazione di un sottilissimo strato di deposito sul fondo del contenitore costituito da piccole particelle derivate dalla polpa dell’oliva.

    Assolutamente sì. È opinione comune che sia preferibile friggere con oli diversi dall’olio di oliva ma, in realtà, l’idea che la frittura in olio extra vergine di oliva sia “più pesante” rispetto a quella realizzata con oli di semi è un luogo comune del tutto falso: la quantità di olio assorbito dall’alimento fritto è analoga a quella che si verifica utilizzando oli diversi e la frittura con olio extra vergine di oliva presenta, piuttosto, una serie di vantaggi dal punto di vista nutrizionale; la composizione in acidi grassi (con prevalenza di acido oleico) e la presenza di antiossidanti fenolici conferiscono all’olio extra vergine di oliva una elevata stabilità all’ossidazione e limitano la formazione di composti potenzialmente nocivi durante prolungati processi di frittura. Se, dunque, si frigge con olio extra vergine, l’olio assunto con l’alimento fritto sarà extra vergine, con i suoi noti vantaggi nutrizionali rispetto ad altre categorie di oli vegetali.

    Le spese di trasporto dipendono dal luogo di destinazione e dal peso della merce ordinata. Per ogni acquisto potrai visualizzare il preventivo delle spese di spedizione relative al tuo ordine.

    La spedizione della merce, dalla nostra sede, viene generalmente effettuata entro 3 giorni al ricevimento dell’ordine. Una volta spedita la merce, la consegna viene effettuata in 48/72 ore in tutta Italia attraverso corriere espresso nazionale.
    NB: Per ordini esteri è accettato soltanto il pagamento tramite Bonifico Bancario Anticipato e le spese di trasporto sono da concordare PRIMA dell’acquisto on-line richiedendo un preventivo di spesa.

    I corrieri nazionali consegnano al numero civico.
    I corrieri non sono tenuti a chiamare per fissare un appuntamento se non espressamente richiesto come servizio durante la procedura di acquisto del prodotto con il pagamento addizionale del servizio.
    Gli orari in cui consegna il corriere sono a discrezione dell’autista di zona e di come preferisce organizzare il proprio giro di consegne odierne.
    Qualora non ci fosse nessuno in casa il corriere è tenuto a lasciare un avviso di passaggio con un numero di telefono da richiamare e ripasserà il giorno successivo per un altro tentativo di consegna.
    Se anche in questo caso non troverà il destinatario, il pacco verrà messo in giacenza presso il corrispondente di destino,
    il cliente sarà avvisato sulle nuove modalità di consegna e tenuto a pagare il costo della giacenza non prevista. Le merci non recapitate vengono rispedite al mittente se non vi sono nuove istruzioni entro 10 giorni.
    Si consiglia sempre, se non si è sicuri di essere presenti alla consegna, di richiedere il servizio di preavviso, durante la procedura di acquisto del prodotto. Con tale servizio il corriere è tenuto a contattare il cliente per comunicare l’orario di consegna del prodotto. Per agevolare la consegna, inoltre, ti suggeriamo di lasciare il tuo numero di cellulare (che verrà utilizzato solo ed esclusivamente per quella consegna) in modo che il corriere ti possa contattare più facilmente.

    Quando il corriere effettuerà la consegna il cliente deve verificare:
    – che il pacco sia integro, non danneggiato né bagnato e comunque conforme alle caratteristiche standard di un pacco;
    – che il numero dei colli (numero di pacchi) indicato sui documenti di trasporto sia corrispondente al numero di colli effettivamente consegnato.
    Attenzione. Eventuali contestazioni devono essere immediatamente sollevate al vettore; in mancanza di queste, il prodotto si considera consegnato correttamente; tutti i documenti applicati all’esterno del pacco vanno conservati.

    La nostra azienda garantisce la qualità e l’integrità degli articoli inviati. Si raccomanda di controllare attentamente l’integrità dell’imballo al momento della consegna. Se l’imballo dovesse risultare non integro, bagnato o comunque dovesse presentare un qualunque segno che lasci pensare ad un danneggiamento del contenuto e di un eventuale fuoriuscita di olio, si raccomanda di non accettare la spedizione oppure di accettare la spedizione con riserva. In questi casi, se il contenitore dell’olio risulta rotto con conseguente perdita del prodotto, provvederemo al nuovo invio gratuito dell’olio perso a causa della rottura del contenitore durante la spedizione. L’azienda non si assume la responsabilità per danneggiamento del prodotto che non sia stato segnalato al vettore al momento della consegna.